Fauna di Citera

L’isola sembra emersa dal mare, con il rilievo circostante scosceso, mentre l’interno è un altopiano. Citera è attraversata da anfratti e anfratti con acqua corrente, che lungo il percorso conducono a meravigliose spiagge intorno all’isola. Pur non essendo presenti zone umide di grandi dimensioni, sono state censite quattro aree umide, che svolgono un ruolo importante dal punto di vista faunistico e in particolare avifaunistico, come sosta di sosta e alimentazione per molti uccelli migratori, in uno dei più importanti corridoi migratori .

Uccelli permanenti di Citera

Il complesso insulare di Citera e Anticitera per la loro posizione geografica sono la stazione intermedia, essenzialmente il ponte tra il Peloponneso e Creta nel loro cammino verso il Nord Africa, alla ricerca di climi più caldi durante la stagione invernale. Durante il periodo della migrazione sono state osservate sull’isola oltre 200 specie di uccelli migratori, mentre oltre 20 specie risiedono stabilmente.
Alcuni di quelli migratori sono lo svasso, lo svasso strolaga, lo svasso (Lanius), lo svasso (circus), lo svasso (milvus migrans), l’aquila (Aquila), il falco pellegrino (Falco Pelegrinus), il beccaccino (Scolopax rusticola), il tordo (Turdus philomelos), la quaglia (Coturnix coturnix), il toporagno (Anas querquedula), lo storno (Streptopelia turtur), la rondine (Hirundo rustica), la poiana (Motacilla), l’acero montano (Oriolus oriolus). p>

Spourgitis Kythera

Passero

È un uccello sociale e alcune specie sono associate agli umani, anche se è difficile da tenere come animale domestico. Costruisce nidi caratterizzati da sciatteria, nidificando solitamente in cavità, alberi o cespugli. Si trova sia nelle città che nelle campagne e si nutre principalmente di semi e piccoli insetti. Sono piccoli uccelli grigiastri o brunastri con code corte, ali arrotondate, corpi robusti, teste grandi e becchi affusolati. Le loro dimensioni vanno dai 12 ai 17 centimetri e pesano intorno ai 40 grammi. Sono rumorosi e vivono in sciami.
Il passero domestico è considerato un indicatore della biodiversità nell’ambiente e l’allarmante calo della sua popolazione fa suonare un campanello d’allarme. L’aumento dell’agricoltura e l’urbanizzazione dell’ambiente hanno contribuito a ciò, limitando notevolmente i luoghi in cui gli uccelli possono trovare cibo e riparo.

Karderina

Cardellino

È un uccello struzzo, del genere Carduelis e appartiene alla famiglia degli spizidi. È un uccello canterino e vive in stormi nelle foreste e nei prati, così come nei giardini e nei campi È un uccello migratore e in autunno migra verso luoghi dal clima più dolce. Si nutre quasi esclusivamente di semi spinosi e vermi. La solidarietà e l’amore che questi uccelli hanno l’uno per l’altro è notevole.
La lunghezza dell’uccello raggiunge i 19 cm e c’è un’ampia varietà di combinazioni di colori. I colori dominanti sono il giallo, il rosso e il nero. La sua testa è di colore rosso e questa caratteristica è il motivo per cui la gente le ha dato il nome “turkopula”, perché il colore rosso sulla sua testa sembra che l’uccello indossi un fez.

Petroperdika Citera

Pernice piuma

Il nome del genere deriva dal greco antico alektoris che si riferiva ai polli domestici. Il nome greco è dovuto al fatto che vive in zone rocciose. La pernice è un uccello epidemico endemico dell’Europa, dove è diffuso solo nelle Alpi, negli Appennini, in Sicilia e nei Balcani.
La pernice vola raramente ma velocemente e meglio degli altri uccelli. Vola solo quando serve, basso con rapidi flap e plana ad ali spiegate. La procellaria è una specie epidemica, è sociale e vive in gruppi familiari di 10-15 persone, mentre durante l’inverno due di questi gruppi possono unirsi e raggiungere le 40 persone.

Koraki

Corvo

Il corvo, o corvo imperiale o corvo imperiale (nome scientifico: Corvus corax) è un uccello terrestre carnivoro dell’ordine Struthiomorpha, delle dimensioni di una gallina (lunghezza 56-69 cm), che lo classifica come uno dei membri più grandi di l’ordine e raggiunge il peso di un chilo e mezzo. Ha un caratteristico piumaggio nero, con riflessi rossi e blu, un becco conico nero e zampe nere, da cui l’espressione “nero come un corvo”.
Costruisce il suo nido in cima ad alberi, montagne, rocce scoscese e alte torri remote. Da lì scende in pianura per il cibo. Generalmente è uccello onnivoro e vorace. Il corvo è molto facilmente addomesticato e impara a convivere con gli umani in larga misura. Nell’antichità, gli antichi greci avevano un amore speciale per l’uccello, che avevano dedicato al dio Apollo.

Kotsifi

Kotsyfi

Il maschio è tutto nero ad eccezione del becco giallo e dell’anello giallo intorno agli occhi, mentre la femmina adulta e i giovani uccelli hanno piumaggio marrone scuro. Questa specie si riproduce in giardini o foreste, costruendo un nido pulito, coperto di fango, a forma di scodella.
È onnivoro e mangia un’ampia varietà di insetti, lombrichi, noci e frutta. Ha una lunghezza da 23 a 29 cm, una lunga coda e un peso da 80 a 120 grammi. Il maschio ha molti diversi richiami melodiosi. Può partorire fino a 5 volte l’anno. Ci sono molti riferimenti letterari e culturali al genere, spesso legati alla sua canzone.

Kythera Gerakina

Gerakina

Un rapace longevo, in Grecia è un residente permanente (epidemia) e nidifica in numero relativamente soddisfacente. Il falco pellegrino abita principalmente piccoli boschi con adiacenti paesaggi aperti come prati, macchia e colture, per poter foraggiare. Durante l’inverno si può trovare nelle zone umide e paludose.
Il geranio è un rapace robusto e di medie dimensioni con una colorazione del piumaggio estremamente variabile che va dal quasi bianco al quasi nero, con tutte le combinazioni intermedie. Il cibo principale del falco sono i piccoli mammiferi e, in Europa, principalmente i topi. Cattura anche uccelli, per lo più piccoli, rettili (come lucertole), vermi, bisce d’acqua e anfibi, soprattutto rane e rospi.

Aigaioglaros di Citera

Gretta

Il gabbiano di mare è un uccello pelagico marino della famiglia Laridae, una delle specie di gabbiani presenti in Grecia. Il gabbiano eurasiatico è l’unica specie di gabbiano che nidifica esclusivamente nel Mediterraneo. Le principali colonie riproduttive si trovano nel delta dell’Ebro in Spagna e nelle isole Tsafarina al largo della costa nordorientale del Marocco.
Il gabbiano comune è una specie semimigratrice che, dopo la riproduzione, è ampiamente dispersa lungo diverse coste del Mediterraneo. Quasi tutti i giovani e alcuni adulti migrano attraverso Gibilterra da luglio a ottobre, con un picco migratorio in agosto, per svernare sulla costa nordafricana. Durante l’inverno, gli uccelli si radunano in grandi stormi.

Mauropetritis

Mauropetrite

Un elegante predatore, con ali lunghe e sottili, una lunga coda e un corpo aerodinamico, strutture che servono all’elemento più importante della sua fisiologia, la velocità. Sotto l’occhio c’è la caratteristica macchia triangolare scura sulla guancia dei falchi. Il carapace, i tarsi e le zampe sono giallo limone.
La procellaria nera nidifica in riva al mare, sui ripidi pendii di isole o zone continentali costiere, nonché su isolotti pianeggianti e tranquilli, a fondo geologico calcareo o vulcanico, purché vi siano luoghi ombrosi per gran parte della giornata. La procellaria nera si nutre di grossi insetti come coleotteri, cavallette, libellule, farfalle, cicale e formiche volanti, occasionalmente pipistrelli e lucertole.

Gionis Citera

Gionis

Gionis appartiene alla famiglia dei Glaucidi ed è una delle specie di glauco più piccole d’Europa. L’uccello è lungo circa 19 cm, il suo piumaggio è chiaro, da bruno-rossastro a grigio, punteggiato di piccole macchie bruno-cenere e striature simili a vermi, oltre a macchie e chiazze biancastre. Il suo colore dell’iride è giallo.
La voce del genero è un suono molto caratteristico delle notti estive. Gionis è esclusivamente notturno e termofilo. Nidifica in buchi e cavità di alberi o nidi abbandonati di altri uccelli. Vive e si riproduce in foreste aperte, insediamenti, parchi, vicino a zone residenziali, piantagioni, giardini, ecc. Si nutre principalmente di insetti, ma spesso preda di piccoli rettili e piccoli mammiferi ed è particolarmente utile in agricoltura.

Compare listings

Confrontare